Rieducazione posturale metodo Souchard

Rieducazione posturale metodo Souchard

Descrizione dell'attività

Con il termine “postura” si intende la strategia impiegata dal sistema neuro-muscolare e scheletrico per rimanere in equilibrio, reagendo alla forza di gravità nella maniera più economica. La rieducazione posturale ha un approccio globale al paziente e prende in esame questo equilibrio dinamico posturale in tutti i suoi aspetti e in modo specifico per ogni soggetto.

Le disfunzioni, come per esempio la SCOLIOSI e i dolori non vengono considerate come alterazioni singole dei vari sistemi, ma come un deficit di tutto il sistema che controlla la postura. Quando la nostra postura, a causa di sollecitazioni di vario genere, sia esterne che interne al nostro corpo, si modifica talmente da diventare troppo poco economica per il sistema neuro-muscolo-scheletrico, iniziano a comparire dolori e disfunzioni a diversi livelli: problemi a mantenere l’equilibrio, vertigini, faticabilità muscolare, ma anche alterazioni vere e proprie rilevabili con esame medico, radiografico ed elettromiografico, modificazioni dell’appoggio plantare, alterazioni della masticazione, oculari, problemi viscerali ed infine dolore muscolare ed articolare, sciatalgia, cervicalgia, lombalgia, ecc.

La rieducazione posturale globale si distingue rispetto ad altre metodiche per i suoi principi di base che sono: INDIVIDUALITÀ, CAUSALITÀ, GLOBALITÀ. Durante la seduta il terapista individua le catene muscolari in disfunzione. Il riequilibrio delle suddette avviene attraverso il mantenimento di posture correttive attive per il paziente. Con la guida continua del fisioterapista e l’uso di una particolare respirazione, si cerca di riportare il sistema dinamico in equilibrio e di farlo lavorare nella maniera più consona ed economica per la propria struttura fisica.

A volte il riequilibrio richiede l’intervento di altre figure che possono meglio agire sui vari apparati e facilitare quindi il ritorno allo stato fisiologico di benessere (ad esempio l’osteopata per l’apparato scheletrico e viscerale, il dentista per la correzione della masticazione o l’ortottista per il ripristino della muscolatura oculo-motoria). Ci si avvale anche di strumenti quali la pedana stabilometrica e l’analizzatore posturale per individuare in maniera più oggettiva le alterazioni posturali. Con l’aiuto dello strumento computerizzato si effettuano esercizi atti a modificare e migliorare la percezione corporea con l’obiettivo di ricreare uno schema di movimento più funzionale ed ergonomico.

Indicazioni terapeutiche

  • problemi a mantenere l’equilibrio
  • vertigini
  • faticabilità muscolare
  • modificazioni dell’appoggio plantare
  • alterazioni della masticazione e oculari
  • problemi viscerali
  • dolore muscolare ed articolare
  • sciatalgia
  • cervicalgia
  • lombalgia

Modo e tempi

Il numero di sedute necessarie è a discrezione del medico specialista. La durata delle sedute è di 45 minuti.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.