Programma collettivo scoliosi

Programma collettivo scoliosi

Descrizione dell'attività

La scoliosi è una deviazione sul piano frontale della colonna vertebrale associata ad una rotazione vertebrale che determina la formazione di gibbi più o meno evidenti. Tale modificazione altera l’equilibrio della muscolatura paravertebrale. Con la Riabilitazione Posturale Scoliosi si cerca di correggere la muscolatura che lavora in maniera disarmonica a livello delle curve e di ridurre i vari compensi che l’organismo mette in atto per l’adattamento alla postura errata.

Il paziente viene preso in carico in maniera globale, con un esame iniziale tramite apparecchiature che misurano la curva della colonna e tutti i sistemi ad essa collegati: esame stabilometrico, pedana posturale, tests osteopatici e, se necessario, esame ortottico e stomatognatico. La complessità dell’intervento comprende una presa in carico degli aspetti psicologici del paziente, già coinvolto in questa fase della propria vita nel difficile compito evolutivo di definizione di una nuova identità ed autoconsapevolezza, al fine di ottenere un rinnovato equilibrio nel rapporto mente e corpo.

La seduta di rieducazione consiste nel raddrizzamento di ciascuna curva, in trazione assiale, con una progressione sempre più globale, dei muscoli della statica. Il mantenimento delle correzioni si fa passivamente attraverso l’azione manuale del terapista e attivamente attraverso le contrazioni settoriali degli addominali. Inoltre non bisogna dimenticare la coscienza corporea, cioè l’immagine mentale che ognuno ha del proprio corpo e della sua posizione nello spazio. È importante lavorare anche su questo aspetto per far accettare in maniera duratura i vari cambiamenti posturali che avvengono durante il percorso riabilitativo.

Indicazioni terapeutiche

Le scoliosi compaiono in età evolutiva e possono avere uno sviluppo repentino, è importante quindi diagnosticarle precocemente in modo da limitarne l’evoluzione tramite una ginnastica appropriata. Anche nei pazienti adulti affetti da scoliosi una ginnastica appropriata può limitare algie a carico dell’apparato muscoloscheletrico.

Modo e tempi

Il trattamento ha una cadenza settimanale fino alla stabilizzazione della curva, in funzione della crescita ossea del paziente, per questo motivo la durata totale del lavoro con un paziente affetto da scoliosi deve arrivare fino alla maturazione ossea completa, cioè almeno fino ai 18 anni compiuti. Durata delle sedute 40/45 minuti. Per quanto concerne l’intervento relativo alla sfera psicologica, si prevedono un incontro iniziale con i genitori ed uno con il paziente, con scopo conoscitivo e di confronto rispetto alle reciproche aspettative. Seguiranno poi incontri a cadenza mensile con il paziente con funzione di supporto durante il percorso riabilitativo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.